La Val Di Non e le sue meraviglie

La Val Di Non in Trentino é conosciuta soprattutto per essere la dimora fissa delle mele coltivate ad alta quota. La marea di frutti colorati non è il solo fiore all’occhiello di questa terra, i castelli, i laghi e le montagne sono un vero e proprio richiamo per tutti i viaggiatori e gli appassionati della natura.

La Val Di Non é un connubio perfetto tra la cultura e la storia del Trentino e dell’Alto Adige, un unione tra cucina e tradizione eccezionale. Di seguito vogliamo proporvi un elenco dei principali punti d’interesse nella zona.

IL Lago di Tovel e il Lago Smeraldo

Barca sul Lago di Tovel in Trentino
Barca sul Lago di Tovel in Trentino
 

Il Lago di Tovel nasce nel Parco Naturale Adamello Brenta, é uno specchio d’acqua incontaminato, un bacino di vecchie leggende e curiosità. Questo Lago é anche conosciuto con il nome di Lago Rosso, grazie ad un alga (Tovellia Sanguinea) che fioriva fino agli anni 60 colorando l’acqua, un vero spettacolo della natura. ( Per chi volesse più informazioni su questo posto può leggere il nostro ultimo articolo Il Lago di Tovel, il riflesso delle bellezza.

Il Lago Smeraldo é molto più piccolo al confronto del precedente, si trova in alta Val Di Non e come dice il suo stesso nome, é una piccola pietra preziosa del Trentino. Molto meno scenico del Lago di Tovel ma con un suo fascino contraddistinto, il Lago Smeraldo ha un percorso ad anello circolare che vi permetterà di visitarne il perimetro. Non perdetevi nelle vicinanze il sentiero “Al Burrone”, parte dalla cascata del Lago per arrivare al paese di Fondo. Il percorso nel Canyon Rio Sass sarà davvero suggestivo e durerà all’incirca 50 minuti.

Cascata al Lago Smeraldo Trentino
Cascata al Lago Smeraldo Trentino

IL SANTUARIO DI SAN ROMEDIO

Questo Santuario é molto conosciuto per la sua bellezza in tutta Europa, é un luogo sacro dedicato all’eremita San Romedio. L’inizio di questa costruzione risale all’anno mille e la sua particolarità é la posizione a ridosso della montagna in cui si erge, uno scenario spettacolare che richiama a se ogni anno più di 200000 pellegrini.

 

Santuario di San Romedio in Trentino
Santuario di San Romedio in Trentino

San Romedio e l’Orso

Da Marzo 2013 nell’area faunistica di San Romedio é presente Bruno, un orso con alle spalle una brutta storia tormentata. L’intera area faunistica fu realizzata per accogliere gli orsi nati e vissuti in cattività e per offrirgli delle cure. Vi starete chiedendo perché gli Orsi giusto? Ebbene fin dalla tradizione la figura dell’eremita in questione era legata a quella dell’orso. La leggenda narra che il Santo abbia fronteggiato questo animale selvatico, dopo l’aggressione subita al suo cavallo, si dice riuscì a domarlo ed in seguito a cavalcarlo fino alla città di Trento. La realtà storica tuttavia è differente, sembrerebbe che nel 1958 un Barone donò al Santuario un esemplare di Orso salvato precedentemente da un circo.

I castelli

Il Castello di Thun é uno dei castelli più famosi del Trentino ed è nella lista dei più bei castelli medievali di tutta Italia. Questa costruzione è la sede principale dei conti Thun, al suo interno troverete quadri, carrozze ed un mobilio di alto livello. Il paesaggio e le visite dell’interno sono eccezionali.

Interno del Castello di Thun
Interno del Castello di Thun

Castel Valer, é un importante castello immerso tra i meleti nella Val Di Non, é tutt’oggi abitato dalla nobile Famiglia Sporo, proprio per questo la visita di un ora e quindici al castello viene effettuato tramite una guida e solo su prenotazione. L’edificio avvolto da una verdeggiante edera, risale al 1211 e al suo interno leggende e curiosità vi aspetteranno per dare completo sfogo alla vostra immaginazione.

Il tempo delle mele

Come accennato all’inizio dell’articolo la Val Di Non é conosciuta sopratutto per essere la casa delle mele: Melinda l’azienda numero uno per la coltivazione di questi frutti ha costruito il suo regno proprio qui. Se siete interessati alle mele, non potete perdervi una visita al Mondo Melinda, lo stabilimento dove vengono raccolte, stoccate e lavorate tutte le mele della Valle.

Qui scoprirete moltissime curiosità sul processo di coltivazione di questi frutti e sopratutto potrete intraprendere un viaggio virtuale in questa azienda grazie al Golden Theatre. Due feste principali dovete conoscere se siete appassionati di quest’argomento: – La Pomaria: É la festa delle mele e del loro raccolto, si svolge ad ottobre e in quei due giorni troverete attività musicali, stand gastronomici e eventi e pensate si potranno raccogliere direttamente le mele dall’albero o visitare le famose celle ipogee. – La Florinda: Questa é la festa della fioritura dei meli, si svolge ad aprile e anche in corrispondenza di questo evento ci saranno molte attività a cui prendere parte.

Speriamo di avervi dato nuovi spunti per un viaggio nella suggestiva Val Di Non, vi aspettiamo sui nostri canali social per nuove avventure.

Ste & Francy

Welcome Troubles

Travel Troublehttps://www.traveltrouble.it
Siamo Stefano e Francesca, amici da una vita con una passione comune: i viaggi ed il mondo. Amanti delle lingue, delle culture straniere e appassionati di tutto ciò che è diverso. Abbiamo vissuto all'estero per alcuni mesi e maturato un incredibile interesse per l'esplorazione e il mare, l'arte e la storia.

Potrebbe interessarti anche

932FansLike
9,847FollowersFollow
87FollowersFollow

Discover

La splendida ed eclettica Rocchetta Mattei

Nascosta tra l'Appennino Emiliano sorge la splendida ed eclettica Rocchetta Mattei. Fatta costruire dal...

Il Tempio del Valadier

Il Tempio del Valadier sorge a Genga nelle Marche, all’interno del vasto complesso delle...

Weekend nelle colline del Prosecco

Le colline del prosecco in Veneto, sono uno dei più rinomati fiori all'occhiello della...

Escursione Lame Rosse

L' escursione alle Lame Rosse è un trekking abbastanza facile, adatto anche ai bambini....

Il passaporto sanitario è in arrivo

Ad oggi 30 Marzo 2021, il passaporto sanitario è ufficialmente in arrivo. Il nome...

Una gita nella natura

Mai come nell'ultimo anno, trascorso tra quarantene, lockdown e restrizioni, abbiamo imparato ad apprezzare...

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Don`t copy text!